Opere di Giovanna Marini

 

Novembre 2020

2020 12 07Cessata l’illusione di tardivi tramonti
il sole lascia un cielo rugoso di nuvole viola
all’ora in cui d’estate era invitante l’onda.
Ormai presto fa buio.

Le macchine,
sempre più grosse, sempre più aggressive,
corrono verso le case di periferia,
dove forse la coppia si potrà riunire,
ci saranno dei figli ad aspettare.
Si fa buio.

Ormai portiamo la mascherina tutto il giorno
salvo che per mangiare, non un bacio,
non un abbraccio ci possiamo dare.

2020 12 08Quando incroci qualcuno per la via
lo scruti quasi un nemico da temere,
se poi non è mascherato giri al largo.

E l’egoismo non cessa di stupire.
I vecchi perché non producono che affetto
vanno buttati?
E i ragazzi che si affollano ridendo all’ingresso di scuola
di nuovo a casa vanno rimandati.

E, amico mio, chi ha fatto sparire i vaccini che non vengono dati?

Ormai s’è fatto veramente buio.

Questo novembre del coprifuoco
ha visto ormai troppe foglie cadere,
troppe foglie cadute soffocate
che non hanno potuto godere d’un ultimo bacio
troppi amori negati,
troppa nascosta miseria che soffre.

E soffro tanto anch’io.
E anch’io temo
in questo triste inizio di novembre

Ottavio Di Peco
nov. 2020