“Quello che segue include un testo di presentazione dell’Associazione LAUG (Utenti di Giustizia) e la sintesi della LEGGE 222, riguardante assegno e pensione ordinaria di invalidità. Quest’ultima è una delle materie di cui detta Associazione si occupa.

Contributi su altre materie potranno venire dalla LAUG nei numeri futuri della Newsletter”

2020 01 14 4

La LAUG è un’Associazione senza scopo di lucro che, nasce nel 2001 con lo scopo di promuovere la conoscenza del diritto nell'ambito della disabilità e la tutela dei cittadini disabili.

La nostra attività guida e supporta la persona con disabilità attraverso tutto il percorso finalizzato al riconoscimento dei propri diritti, (indennità di accompagnamento, Pensione, Assegno, Indennità di frequenza, Legge 104, Legge 222, invalidità INAIL ecc…)  e garantisce una corretta impostazione della pratica presso l’INPS in tutte le sue fasi, dal rilascio del certificato telematico, all’inoltro della relativa domanda, fino alla consulenza e assistenza legale per i ricorsi avverso il mancato riconoscimento del beneficio.

La consulenza e assistenza Legale è garantita dalla convenzione con lo Studio Legale Ferri (www.avvocatoferri.it) che, grazie ad un'esperienza trentennale nel settore, lo rende uno dei più qualificati d'Italia, il quale si occupa delle situazioni che esulano dal semplice procedimento amministrativo, in cui si rende necessaria una tutela specifica in sede di ricorso al Tribunale.

Al fine di fornire un servizio utile all'Associazione Italiana Pazienti BPCO, e ai propri Associati segnaliamo la nostra disponibilità a fornire consulenze gratuite in materia di invalidità ed handicap e a fornire servizi utili, quali la presentazione della domanda di invalidità civile.

È possibile prenotare un appuntamento presso la sede più vicina telefonando al n. 06-83396850

LAUG SEDE CENTRALE: VIALE LIBIA 58 – 00199 ROMA – TEL 0683396850/1 FAX  0686387042 – www.laug.it – email: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

LEGGE 222 - Assegno e pensione ordinaria di invalidità

È opportuno fare chiarezza sui benefici previsti dalla Legge 222 e sulla differenza che intercorre tra le prestazioni concesse sulla base di questa normativa e quelle di Invalidità Civile, riconosciute sulla base della Legge 118/71, quali l’Assegno mensile di assistenza e la Pensione di inabilità.

Anche se la somiglianza della terminologia può generare confusione, in realtà si tratta di prestazioni radicalmente diverse, proprio perché ad essere diversa è, in primo luogo, la natura delle stesse.

Quando parliamo di assegno o pensione ORDINARI infatti parliamo di prestazioni di carattere contributivo, riconosciute sulla base dei contributi versati (almeno 5 anni di contributi, di cui 3 nel quinquennio precedente alla domanda), mentre quelle previste dalla Legge 118/71, hanno carattere assistenziale: sono pertanto

concesse a chi non percepisce redditi, o comunque rientra in determinati limiti stabiliti annualmente, secondo le tabelle riportate.

La seconda differenza consiste nel parametro utilizzato nella valutazione dell’Invalidità che, mentre nelle prestazioni previste dalla Legge 118/71 è quello più generico della “riduzione della capacità lavorativa” (superiore al 74% per l’assegno mensile di assistenza e totale per la pensione di inabilità), nella valutazione dell’invalidità ex Lege 222, come recentemente ribadito dalla Cassazione Sez Lavoro (Sent. 4710/16) l’oggetto di valutazione (invalidità superiore ai 2/3 per l’assegno ordinario e totale per la pensione), diventa specifico e concernente la capacità di lavoro in occupazioni confacenti le attitudini dell’assicurato.  Anzi, addirittura impedisce a tal fine l’utilizzo del parametro dell’invalidità civile anche solo come “guida massima”.

Ulteriori differenze riguardano:

- l’importo, che per le prestazioni oggetto della L. 222 varia in base ai contributi versati, mentre per le prestazioni di Invalidità Civile è fisso e stabilito annualmente;

- modalità di accertamento: per l’Invalidità Civile è preposta una commissione medica mentre per l’invalidità ex 222 un solo medico legale dell’INPS;

- revisione: per l’Invalidità Civile può essere stabilita dalla commissione di volta in volta, (escluse le patologie non revisionabili a norma del DM 02/08/2007), mentre la Pensione e l’Assegno Ordinario Inps sono rivedibili una volta ogni tre anni e dopo il terzo rinnovo diventano definitivi.